martedì 20 agosto 2019

Hideo Kojima sulle influenze culturali nello sviluppo di videogiochi

La mia generazione deve molto al cinema. Tanto di ciò che abbiamo visto influenza inconsciamente ciò che facciamo oggi. Mi piace chiamarlo il nostro "DNA cinematografico". (ridacchia) Essendo cresciuto guardando i film non importa cosa io faccia, perché quel DNA mi influenzerà e darà alle mie opere una forma 'cinematica', così come l'arte di coloro che sono cresciuti nella 'generazione manga' mostrerà sempre tracce di manga. Una delle cose che mi fa più paura di oggi è che i giovani autori di videogiochi sono cresciuti soltanto con i videogiochi e non so se abbiano avuto il tempo e il modo di assorbire l'influsso delle altre arti e degli altri media. 

 Nel mio caso quando creo non miro consciamente a ottenere qualcosa di cinematografico, ma è più il risultato di essere cresciuto con il cinema che fa somigliare tutto a un film. È ciò che ho assorbito nell'inconscio: il senso di ciò che è 'cool', delle belle inquadrature, dello stile fotografico... tutto mi influenza in un modo o in un altro. Una singola opera è il frutto di molti legami inconsci. 

da Yasumi Matsuno x Hideo Kojima - 1999 GSLA interview archive

Nessun commento:

Posta un commento